Riflessioni

Dio esiste

  • Stampa

 Era un mercoledì mattina, a scuola aspettavo che i bambini terminassero quel compito sui verbi. Giravo e rigiravo l'orecchino all'interno del buco del mio lobo destro e mi vennero in mente le parole di un racconto che mia mamma faceva spesso, quando era bambina, per farmi sapere come avevo avuto i miei primi orecchini. Avevo soltanto pochi giorni, forse ero appena nata quando la levatrice aveva assolto al suo rito, tribale direi, per dare una tipica connotazione ad una bambina. Mi aveva praticato i buchi nelle orecchie con la cruna dell'ago per cucire, mi racconta mia mamma, ed io, sicuramente per il forte dolore, disperata avevo pianto e subito avevo fatto la pipì, reazione tipica di chi soffre e ha paura. Quella mattina, ricordando quell'episodio, mi sforzavo di comprendere se fosse davvero impossibile avere dei ricordi di un tempo così lontano. Era impossibile, si! Non ricordavo nulla, nemmeno ciò che riguardava i miei primi mesi o anni di vita. Pensavo " Io ho avuto coscienza di me dal momento in cui ho il ricordo di fatti che mi appartengono. Tuttavia io so che c'ero anche quando non avevo coscienza di essere".
Come io ero (già) anche quando non ricordo di essere stata, così Dio esiste anche se molti non Lo conoscono, Lo rifiutano o addirittura non Lo cercano. Dio è Eterno nella sua essenza.
Ho coscienza della presenza di Dio quando avverto gli effetti della sua presenza nella mia vita. Quando so che Dio E'; quando stabilisco una relazione con Dio, Dio è presente: so della sua Eternità e della sua Onnipotenza. La sua essenza, erò, non dipende da me, dalla mia sensibilità, ma dal suo essere che in Se stabilisce ogni cosa.
Egli è colui che ha stabilito l'Infinito e l'Eternità. Dio è l'Eternità, l'Infinito, dove tutto si colloca, dove c'è spazio per tutto, anche per il dubbio, che nel momento in cui fa "dubitare" l'uomo sull'esistenza di Dio ne afferma la reale presenza nell'infinito dove l'uomo può conoscere solo le cose finite, ma può sperimentare Dio che contiene in se l'Infinito.

Grazia Verona Reina