Accesso Utenti

Testimonianze

E' Cristo che vive in me - Testimonianza della sorella Pina

 Mi chiamo Pina ho 47anni e ho due figlie. Sono cresciuta in una famiglia di sani principi e ho avuto due stupendi genitori. All'età  di 25 anni ho conosciuto il Signore per mezzo di mia mamma, quando avevo avuto già  la mia prima figlia. Così ho incominciato a frequentare il gruppo di preghiera a casa di mia mamma. Un giorno, mentre ero a casa, ho visto mia figlia di soli 3 anni inginocchiata che pregava: da lì ho capito che il Signore voleva operare dentro di me. Dopo 4 mesi ero in attesa di una seconda bambina, ma durante la grvidanza ho avuto problemi:  stavo perdendo la bambina poiché non cresceva. Così nella chiesa che frequentava mia mamma e nel gruppo di preghiera hanno iniziato a pregare e io sentivo dentro di me che il Signore aveva già operato. E cosi è stato.

Feci l'ecografia e il dottore mi comunicò che la bambina aveva preso il peso necessario e sarebbe nata sana. Nacque una bella bambina. Ma non era finita lì. Mia figlia maggiore incominciò a stare male, con febbre altissima. Mio marito la portò all'ospedale ma i medici gli dssero che non c'era più niente da fare, di riporatarla a casa prima che morisse. Aveva l'acetone e l'intossicamento le era già salito in testa. Così mio marito la riportò a csa. Abbiamo chiamato un pediatra e anche lui ci diceva che ci voleva solo un miracolo. Allora incominciai a pregare con mia mamma e dicevo: "Gesù fa che mia figlia si possa svegliare perché io  credo in Te. Tu me l hai data, adesso non puoi togliermela". Dopo 5 minuti, la bambian si è svegliata e ha detto: "Mamma, ha detto Gesù tutto è compiuto". Il Signore aveva ascoltato la mia preghiera. Poi, per varie situazioni e anche perché mio marito mi ostacolava mi allontanai dalla chiesa e non andai più alle riunionni di preghiera, anche se Gesù rimaneva nel mio cuore. Però mi sentivo svuotata, come se tutto quello che facevo non aveva più senso. Poi 4 anni fa ho conosciuto il pastore Enzo Reina e sua moglie . Una sorella li ha portati a casa mia, abbiamo pregato e mi ha invitato ad andare in chiesa. Mio marito aveva incomincaito di nuovo ad ostacolarmi,  ma stavolta non lo ascoltai e continuai il mio cammino di fede. Così ora anche lui e le mie figlie Lo servono insieme a me nella chiesa del Signore.
Da quel giorno in poi non sono più io che vivo ma è Cristo che vive in me. Perciò caro lettore cosa aspetti ad aprire il tuo cuore a Gesù? Bussate e vedrete quanto l'Eterno è buono. Beato l'uomo che confida in lui. Pacea tutti a voi. Che il Signore vi benedica.

Pina Riolo

  
 

 

  • 0 Catania 29-30 giugno 2012 (025)
  • Catania 29-30 giugno 2012 (3 4)
  • Catania 29-30 giugno 2012 (5)
  • Catania 29-30 giugno 2012 (8)
  • Catania 29-30 giugno 2012 (9)