Accesso Utenti

Testimonianze

La strada della Fede. Testimonianza del fratello Mario

 Capita molte volte che svegliandoti, ti accorgi di aver vissuto, fino a quel momento, una vita priva di significato e, che, tutto quello che avevi fatto fino a quel momento fosse stato inutile;  come se con un colpo di spugna, vedessi la tua vita cancellata da qualcosa che non ti spieghi.
Cominci a provare qualcosa di strano, mai provato prima, come se un fuoco ti ardesse dentro, qualcosa che, il giorno prima, non ti saresti mai immagginato.
Tutto cominciò proprio così.

La mia storia è una storia molto simile a tante altre, almeno fino a poco tempo fa, circa 2 anni, piena di impegni lavorativi e familiari. La mia bussola era sempre indirizzata in un punto, cercare di fare di più per me e la mia famiglia. L'obiettivo primario era di avere un'esistenza priva di problemi economici e trascorrere la vita in modo più piacevole possibile. Certo, parlo di un piacere materiale, quindi, macchine, soldi, casa e chi più ne ha più ne metta.
Pensieri che fanno la maggior parte delle persone che cercano di raggiungere, a tutti i costi, una posizione di rilievo nella società senza farsi alcuno scrupolo per gli altri.
Certo io, non ero proprio uno di quelli, non facevo male a nessuno, ma guardavo solo a me e, in modo egoistico, a tutto quello che mi circondava in un raggio di pochi metri (cioè alla mia famiglia).
Fino a quel momento non ero riuscito, però, a capire la vera essenza della vita e mi ero accorto, dopo 36 anni, che non ero ancora vissuto, come se per una strana coincidenza del destino, io non fossi ancora nato e che la terra stava cercando di partorirmi proprio in quel momento.
Il mio essere, cominciava a porsi delle domande, che prima non si poneva.
Non poteva, l'esistenza di un uomo, iniziare e finire così come tutti noi sappiamo, senza nessun significato, senza nessuno scopo.
Un senso a tutto ciò ci doveva essere a tutti i costi, e quel senso era ed è Gesù Cristo.
Ne avevo sentito parlare e pensavo di crederci, mi sentivo a posto con la mia coscienza, avevo fatto tutto quello che un cattolico di famiglia avrebbe potuto fare: Battesimo, comunione, cresima e matrimonio, cioè credevo di avere adempiuto in qualche modo al mio dovere di Cristiano, ma non era affatto così.
La Chiesa Cattolica non era mai stata, fino a quel momento, il mio punto di riferimento, anzi....
Solo in determinate circostanze andavo a pregare, in coincidenza di eventi straordinari, quali potevano essere i matrimoni e i battesimi.
Non riuscivo, in poche parole, a focalizzare il tutto.
Ma tutto ad un tratto una tempesta di emozioni mi pervase tutto il corpo, dalla testa ai piedi, quando, dando ascolto a mia madre e mio padre, andai a fargli visita nella Chiesa Evangelica di Librino. La mia visita in quel luogo era una visita di sfida nel confronti degli evangelici e del pastore di quella Chiesa. Avevo da molto tempo pensato di andarli a trovare e finalmente c'era stata l'occasione per farlo. Ero pronto per la sfida, dovevo solo prendere le difese della Chiesa Cattolica e di tutti quegli insegnamenti che i miei genitori mi avevano dato fin dall'infanzia per poi loro stesso rinnegarli. Giunto in Chiesa, appena iniziato il culto, avvertii subito, dentro di me, qualcosa di indescrivibile; una girondola di emozioni si soprapponevo e la sfida che avevo tanto paventato, si trasformò in un confronto aperto e leale tra me e il pastore, tra me e la Chiesa Evangelica, tra me e il mio Signore. La  mia vita, da quel giorno, tutta ad un tratto, cambio radicalmente, Dio aveva bussato al mio cuore ed io finalmente avevo risposto. Finalmente ero nato, anzi rinato. I miei occhi iniziavano a vedere la Luce, la vera luce. Non quella luce che la maggior parte delle persone vedono, ma una luce interiore, una luce che produce un calore che ti avvolge in un tepore indescrivibile e ti fa sentire meno umano e più figlio di Dio. Si è proprio vero, figlio di Dio, quale onore, il dono più grande a cui  un essere umano può aspirare.
Il tutto si è concretizzato con la rinascita di un nuovo uomo in me, attraverso il Battesimo nelle acque, un nuovo patto con Dio e con il mio Salvatore e Amico Gesù.
Quanta gente, durante la propria esistenza, si sente incompiuta come lo ero io; io dico a questa gente di non guardarsi intorno alla ricerca di qualcosa o di qualcuno, ma consiglio di guardarsi dentro, nel proprio cuore, dato che è proprio da li che inizia tutto, e proprio quello il posto dove si trovano le risposte e le verità più nascoste, solo così comincerete a capire e a sentire qualcosa la cui descrizione è impossibile a qualsiasi mente umana.
E' proprio li, dove si ferma la mente umana, che inizia il divino.
Sarebbe facile, allora, per qualsiasi persona, indagare e trovare le risposte, ma non è così, bisogna crederci. L'unica cosa che Gesù ci chiede è di avere fiducia in Lui, quindi la Fede, in questo rapporto, assume un'importanza primaria, senza di essa non c'è salvezza e senza salvezza non c'è Vita Eterna.
Io ho capito quello che il Signore ha voluto fare nella mia vita, ho capito il bene che mi vuole il mio Gesù. Il Suo bene è talmente grande che ha offerto, spontaneamente, la Sua vita, per riscattarci dai nostri peccati ed il Suo sacrificio non rimarrà vano.
La mia vita andava spedita nel denaro ma non nella fede, ora invece, io ho avuto il coraggio di accettare Gesù in fede e vi garantisco che nello scambio ci ho guadagnato solo io, perchè sono proprio il denaro e il potere i mali oscuri del mondo ed è grazie ad essi che il diavolo riesce a soggiocare le menti umane.
La Bibbia è il mezzo più importante, sulla terra, che ci tieni legati a Dio, mentre nei cieli chi ci tiene legati al nostro Signore è il nuovo Patto di alleanza e cioè Gesù Cristo.
Proprio, quando scrivo questa piccola testimonianza, piccola ma per me di grande contenuto, il cui messaggio è di estrema importanza, nel mio paese si festeggia il santo patrono S.Mauro: che tristezza. Quest'anno si sono bruciati tanti soldi in festeggiamenti e fuochi d'artificio. Dall'altra parte del mondo, la gente si ammala e muore. Il terremoto di Haiti ha decimato una popolazione con migliaia di morti e la gente del mio paese, invece di fermarsi e riflettere sull'accaduto, gioca e scherza per le strade, ignara di quello che sta succedendo. L'idolatria ha assunto, pericolosamente, proporzioni devastanti. Molti uomini hanno perso la retta via e si sono lasciati trasportare dall'enfasi e dall'euforia della vita quotidiana. Dio osserva e piange i propri figli morti, quelli morti nella carne, ma anche e soprattutto, quelli morti nello Spirito.
DIO PERDONACI E ABBI SEMPRE MISERICORDIA DI NOI.
I tuoi figli innalzeranno sempre lodi e preghiere nei tuoi confronti e mai si stancheranno di farlo. Veglia su di noi tutti i giorni della nostra vita e custodisci i nostri cuori dall'attacco continuo dei nostri nemici. Il male è sempre in agguato, pronto ad assalirci ad ogni nostro minimo passo falso, ma noi non abbiamo paura, non abbiamo timore di nessuno, perchè Tu sei con noi, sei il nostro scudo, la nostra spada, la nostra vita e siamo sicuri che un giorno i tuoi figli potranno contemplare, alla Tua presenza, il Tuo splendore,finalmente pronti a vivere al Tuo fianco.

CON TANTO AMORE AL MIO UNICO SIGNORE E SALVATORE GESU' CRISTO.                          

TUO PER SEMPRE, MARIO.

  
 

 

  • 0 Catania 29-30 giugno 2012 (025)
  • Catania 29-30 giugno 2012 (3 4)
  • Catania 29-30 giugno 2012 (5)
  • Catania 29-30 giugno 2012 (8)
  • Catania 29-30 giugno 2012 (9)